domenica 9 novembre 2008

Il movimento del dare

A sette anni dall’ultimo disco di inediti, Fiorella Mannoia, torna nella scena musicale italiana il 7 novembre con un nuovo album intitolato Il movimento del dare.


Anche se l’album di esordio della cantante romana risale ai primi anni 70, sapete dov’è che ha avuto la prima occasione di esibirsi davanti al grande pubblico? Ecco, sì, strano non parlare del palco di Sanremo. È qui che, nel 1981, Fiorella presenta la canzone Caffè nero bollente, per poi tornarci nel 1984 con l’interpretazione di Come si cambia e nel 1987 con Quello che le donne non dicono, canzone scritta dal cantautore Enrico Ruggeri e che rappresenta ancora oggi uno dei brani con cui il pubblico più la caratterizza.



Ancora una volta ritorna sul palco di Sanremo nel 1988, questa volta con una canzone di Ivano Fossati, Le notte di maggio e come l’anno prima, vince nuovamente il premio della critica. Dopo l’incontro con Ivano Fossati, che collaborerà con lei per altre sue canzoni come I treni a vapore, a firmare altre canzoni dei suoi cd sarà Francesco De Gregori, un esempio è il brano Tutti cercano qualcosa. A queste sono seguite le collaborazioni con Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Gianmaria Testa e duetti come per il brano Offeso, di Niccolò Fabi.
Fino a questo momento sono 9 i cd pubblicati, più un cd live del suo tour nei teatri del 1997. Nel 2000 risale sul palco dell’Ariston, ma questa volta come superospite, con la canzone
L’amore con l’amore si paga. Ed è nel 2001 che esce, con grande successo, il suo ultimo cd di inediti, Fragile.
Il 2002 la terrà impiegata nella tournée, che vede collaborare sul palco Pino Daniele, Francesco De Gregori, Ron e Fiorella.


È da questa esperienza positiva che decide di riprendere da sola una lunghissima tournée iniziata nel 2003 e finita con la registrazione di un dvd della chiusura del tour, il 24 marzo del 2005. Nel 2006 esce Onda tropicale, un album di canzoni brasiliane, sei di queste tradotte all’italiano, mentre le altre cinque rimangono in lingua portoghese.



Ora nel 2008, Fiorella Mannoia ritorna, ma più in compagnia che mai, perché a scrivere le canzoni di questo suo nuovo cd sono stati grandi nomi della musica italiana. Per il primo singolo, e ad aprire l'album, il brano scritto da Luciano Ligabue, Io posso dire la mia sugli uomini, per poi continuare con canzoni firmate da Tiziano Ferro, Jovanotti, Pino Daniele, Ivano Fossati oppure quella che da titolo al disco, scritta da Franco Battiato.

Vi riportiamo il primo singolo che dal 17 ottobre è in onda nelle radio italiane:

*foto e copertina dal web

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande questa Mannoia,mi fa ricordare l` eccezzionale versione di Sally. Questo cd sarà un succesSo, pieno di grandi nomi di grandi scrittori. Ma sinceramente lei si dovrebbe alontanare da Tiziano Ferro, non ci riesco a capirlo. Asun

Anonimo ha detto...

una voce avvolgente, mi ricorda el finale di "Caro Diario" con Inevitabilmente,un brano che ascolto spesso,a proposito il cd brasiliano è geniale

DIDAC

Néstor. B1 gruppo A ha detto...

In questo indirizzo da "Le Invasioni Barbariche" c'è una intervista a Fiorella Mannoia:
http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=invasioni&video=894

denis zamaro ha detto...

grazie Néstor, le interviste di quella trasmissione sono sempre molto interessanti.