lunedì 20 ottobre 2008

Perché vi siete iscritti a un corso d’italiano?

Molto spesso, noi insegnanti di lingua straniera, ci chiediamo quale sia il motivo che spinge i nostri alunni a iscriversi a un corso di lingua. Per questo motivo quest’anno ho fatto una piccola inchiesta tra le cosiddette matricole*, ovvero i miei alunni di Básico 1.


Un gran numero di studenti affronta lo studio dell’italiano per arricchimento personale, per conoscere gente o realtà diverse (30%). Molti altri (27%), poi, vorrebbero visitare il Bel Paese** e poter comunicare in italiano e non solo a gesti o con parole in itagnolo***.


Ben un 30% sceglie di studiare la lingua di Dante per motivi professionali. E qui dobbiamo distinguere quelli che usano normalmente l’italiano nel loro lavoro (hostess, receptionist, ditte import-export), da quelli che ritengono che gli sarà utile o necessario nella professione futura.


Alcuni alunni che si iscrivono ai nostri corsi d’italiano (generalmente dal 2º corso di Básico in poi) hanno fatto un soggiorno di studio in Italia grazie a una borsa di studio Erasmus e vogliono migliorare la loro conoscenza dell’italiano. Invece altri studenti universitari molto previdenti, in Italia non ci sono ancora andati, ma hanno intenzione di farlo nei prossimi anni (5%).


Una buona ragione poi è quella sentimentale, probabilmente sempre gli stessi alunni vittime dell’Erasmus hanno incontrato la loro anima gemella in Italia. Quindi il 6% studia l’italiano per motivi affettivi o familiari (il padre, la madre, i nonni... sono italiani).


E infine non dimentichiamo i più colti, quelli che studiano la lingua per soddisfare degli interessi letterari o artistici. Ma credo che tutti i nostri alunni si sentano molto orgogliosi quando riescono a leggere il loro primo libro in italiano, anche se con un po’ di fatica all’inizio.


A questo punto non mi resta che rilanciare questa domanda ai lettori di Oblò (g): “E voi perché studiate l’italiano?”



*così vengono chiamati nel gergo militare o universitario i nuovi arrivati.

** per antonomasia ci si riferisce all’Italia.

*** misto di italiano e spagnolo

4 commenti:

Anonimo ha detto...

All`inizio ho cominciato a studiarlo per arrichimento personale, dopo per amore e per il mio futuro professionale. Adesso credo sia ovvio che uno dei motivi è potere fare una bella chiacchierata con persone come te. Baci Asun.

denis zamaro ha detto...

Grazie Asun, spero di vederti presto, un bacione!!!!

Anonimo ha detto...

arricchimento con doppia c...

mariajesus ha detto...

se dovesse scegliere una di quelle risposte immagino che sarei tra quel 30% di arricchimento personale, ma in realtà per una grande passione per questa lingua, che diventa sempre più grande man mano che la imparo meglio, che mi ha regalato molte esperienze e che ha fatto entrare nella mia vita persone che forse in un altro modo non sarebbero mai entrate.