venerdì 22 marzo 2013

“Viaggetti” italiani





Grazie al suggerimento di alcuni nostri lettori di una scuola di Reggio Emilia, noi di Oblò(g) siamo venuti a conoscenza di due interessanti esperimenti di film-documentari su due passeggiate all’aria aperta nella regione italiana dell’Emilia Romagna: il primo è un percorso  lungo l’appennino emilio-romagnolo da Piacenza a Rimini, Viaggetto sull’appennino;   il secondo Viaggetto nella Pianura, in lungo e in largo per la pianura padana.


In entrambi i documentari il protagonista è Ivano Marescotti che decide di scoprire più a fondo la sua terra natale, passeggiando tra i luoghi di sempre: il viaggio diventa un percorso fondamentale non solo a livello geografico, per mostrare la bellezza naturale del luogo, quanto soprattutto a livello culturale. Nei documentari, infatti, si esplorano i posti evocati da poeti, cantanti, scrittori, registi (come il grande Fellini, ad esempio) che hanno ricevuto ispirazione da questi luoghi, nonchè testimonianze ed incontri. Si raccontano storie tramandate, leggende e il protagonista, insieme allo spettatore si perdono tra le terre e il “perdersi” permette loro di scoprirsi come identità appartenenti a quei luoghi: davvero affascinante.
Insomma, un vero e proprio diario di viaggio che rivaluta il territorio e ne evoca il rispetto che, sfortunatamente, si è perso nel corso del tempo.
Alla luce dei terribili fenomeni sismici avvenuti nel maggio dello scorso anno proprio in Emilia, questi documentari rappresentano un bagliore di speranza e di rinascita per tutta la popolazione che ha visto crollare definitivamente il proprio passato fino a distruggersi.

Due documentari che ci mostrano l’importanza di poter riscoprire una delle più belle zone del nostro paese attraverso gli occhi di chi ci ha vissuto e poterne apprezzare le meraviglie. Non perdeteveli!

4 commenti:

Agnese ha detto...

Interessanti! Grazie Serena! Come si possono vedere?

Serena ha detto...

Ci sono delle parti molto interessanti che si possono vedere in you-tube!!!

Reggio Lingua ha detto...

Complimenti Serena, leggere la tua recensione è emozionante come vedere i documentari. Con le parole riesci a cogliere l’essenza e il significato profondo presenti nei due “Viaggetti”. Quella descritta è un’Emilia–Romagna col quel trattino che, come diceva Edmondo Berselli, distingue ma unisce e di cui tu afferri le intense atmosfere presenti. Da Reggio Emilia te ne siamo molto grati e invitiamo tutti i lettori più curiosi a fare un'esperienza indimenticabile nella nostra bellissima regione.

Serena ha detto...

Sono contenta che vi sia piaciuta! In realtà nel vedere certe immagini e "sentire" la cultura e l'animo della gente attraverso il territorio è stata un'esperienza emozionante anche per me! Grazie per averci dato questo prezioso suggerimento e per averci invogliato a visitare al più presto questa meravigliosa regione! Spero a presto! :)