lunedì 3 dicembre 2012

I Longobardi. Patrimonio mondiale dell'umanità secondo l'UNESCO

Il regno longobardo verso il 600 d.C.

I Longobardi sono una popolazione di origine germanica, che occupò parte della penisola italiana nel VI-VIII secolo d.C. L'eredità che ha lasciato questa popolazione barbara in Italia è notevole, basti pensare al gran numero di parole italiane di origine germanica, introdotte proprio da questo popolo.


Tra i monumenti di origine longobarda, sono degni di menzione i sette siti che il 25 giugno 2011 sono stati inseriti nella Lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO, la cui candidatura è stata presentata con il nome Italia Longobardorum. Centri di potere e di culto (568-774 d.C). 

La chiesa di Santa Maria Foris Portas a Castelseprio (Varese)

Questi sette luoghi, densi di testimonianze architettoniche, pittoriche e scultoree dell'arte longobarda, sono sparsi lungo tutta la penisola italiana. In particolar modo, i sette siti sono i seguenti:
  1. l'Area della Gastaldaga a Cividale del Friuli (Udine), con il Tempietto Longobardo e il Complesso Episcopale, il principale complesso religioso del Ducato del Friuli.
  2. La Chiesa di San Salvatore e il Monastero di Santa Giulia a Brescia
  3. L'area del castrum a Castelseprio (Varese), che comprende il monastero di Torba, la Chiesa di Santa Maria Foris Portas e la Basilica di San Giovanni Evangelista.
  4. La Basilica di San Salvatore a Spoleto (Perugia)
  5. La Chiesa di San Salvatore a Campello sul Clitunno (Perugia)
  6. Un complesso di monumenti della città di Benevento, sede del più importante ducato longobardo della Langobardia Minor, come la Chiesa di Santa Sofia con i suoi affreschi.
  7. Il Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant'Angelo (Foggia)
Complesso monumentale di Santa Sofia a Benevento

Chi fosse interessato ad approfondire la candidatura di questo sito UNESCO, può dare un occhio al già citato sito della candidatura. La scheda UNESCO (in inglese), è invece disponible a questo indirizzo.

Per maggiori informazioni sul Patrimonio dell'UNESCO in Italia, si può visitare, invece. il sito della rivista "Siti Unesco".

Invece, per maggiori informazioni sui Longobardi, è molto utile consultare il riassunto presente nell'enciclopedia di "Sapere.it".

1 commento:

Anonimo ha detto...

Delle citta del testo solo sono stato a Brescia, cosí ho visto la chiesa. Sono stato anche a Bergamo, citta alta i bassa, devo dire che mi sono piaciuta tanto, e meravigliosa.
Nonostante dire Italia e dire Storia i Cultura. Semplicemente fantastica.
Francisco. Italiano básica primo livello.