lunedì 26 gennaio 2009

Un ricordo per DE ANDRÉ

L'11 gennaio, si sono compiuti dieci anni dalla scomparsa di uno dei più grandi cantautori della musica italiana, Fabrizio De André. Come non poteva essere in un altro modo, tante sono state le iniziative e gli omaggi tenutisi su tutti i mass media e nelle città italiane. Perugia, Milano, Torino, Roma, Sicilia e ovviamente la sua Genova natale, sono solo alcune delle città che hanno commemorato il decimo anniversario della sua morte con recitazioni, concerti, documentari e mostre in suo onore.


Fabrizio De André conosciuto anche come Faber, soprannome datogli dall’amico Paolo Villaggio, è scomparso per colpa d’un brutto male ai polmoni a 59 anni, l’11 gennaio del 1999 a Milano. Forse la sua discografia non è così vasta come quella dei cantautori della sua epoca, poiché ha pubblicato una ventina di dischi, ma risulta memorabile per la sua varietà e l'intensità con la quale ha fatto sognare, commuovere e riflettere diverse generazioni. L’ha reso unico il suo modo di raccontare e interpretare esperienze e passioni, a volte quasi anticipatore dei mutamenti e delle trasformazioni della contemporaneità ed era semplicemente unico anche nel suo essere dalla parte di chi soffre.

Tanti sono stati i giornali che hanno dato spazio al decimo anniversario della sua scomparsa, tanti anche i siti web. Pure più di 300 radio, alle 22.50 dell’11 gennaio, hanno aderito all’iniziativa lanciata da Fabio Fazio, conterraneo di De André, per la quale le note di una delle sue canzoni più belle,
Amore che vieni amore che vai, è stata trasmessa in contemporanea. Proprio, Fabio Fazio dal suo programma Che tempo che fa, dalle ore 20.10, ha condotto un intero speciale di tre ore e mezza, Fabrizio 2009, in cui ha messo insieme molte inattese dimostrazioni d’affetto: da Franco Battiato con Inverno a Ivano Fossati con Smisurata preghiera, a Lucio Dalla con Don Raffaè, a Gianna Nannini con Via del campo, alla Pfm con Bocca di Rosa, a Bocelli con La canzone dell’amore perduto, a Vinicio Capossela con La città vecchia, a Tiziano Ferro con Le passanti, a Girotondo con Vecchioni, a Il suonatore Jones con Jovanotti in collegamento da Spoon River, alla lettura di Le nuvole, al finale con Creuza de Ma con Cristiano De André e Mauro Pagani.

Cogliamo l’occasione per riportarvi sul blog due video con la sintesi della puntata speciale di Che tempo che fa:



7 commenti:

Giò ha detto...

Di De Andrè conservo un ricordo personale molto bello. Una mattina l'ho incrociato per strada mentre andavo in Facoltà. De Andrè andava sicuramente a una seduta del processo per il rapimento che lui e la sua compagna avevano subito qualche anno prima. Quando i nostri sguardi si sono incrociati e ha capito che l'avevo riconosciuto, mi ha sorriso (un sorriso ampio, quasi una risata sommessa)come per chiedermi: "Per favore, non mi fermare che vado a un processo davvero spiacevole" e io gli ho restituito un sorriso di complicità. Evidentemente non gli ho chiesto niente e ci siamo passati vicini seguendoci con lo sguardo sorridente. Per me quello è stato il suo autografo. E lo conservo ancora

Giò ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mariajesus ha detto...

che bello avere quel particolare ricordo di De André! io, purtroppo, ho conosciuto la sua musica solo dopo la sua scomparsa... e mi dispiace molto...

didac ha detto...

bellissimo il tuo commento Giovanna,la prima volta che ascoltai Fabrizio de Andre fu con la PFM (Anni fa ),dopo mi sono innamorato della versione di Suzanne...per me "Creuza de mà" è una "joia".Grazie Mª Jesús, sai si uscirà una cd di questo?

mariajesus ha detto...

ciao didac,
mi dispiace... so solo dirti che non ho né sentito né letto nulla a riguardo. Le ultime raccolte che conosco delle sue canzoni, e che sicuramente anche tu conoscerai, sono le due edizioni uscite qualche anno fa, di In direzione ostinata e contraria (Vol.1 e 2). Ma per i dieci anni della sua scomparsa non ho sentito che esca nessun cd, dvd o altro.

Giò ha detto...

Mi sembra di aver visto un nuovo cd in vendita, ma non ne sono sicura, dato che cercando su internet non sono riuscita a chiarirmi le idee. Ho però trovato questa notizia: "In occasione di questo anniversario Dori Ghezzi ha prodotto un docu-film sul marito dal titolo “Effedia” (acronimo della Fondazione Fabrizio De André) in vendita insieme ad un doppio cd in cui sono contenuti i brani più significativi della carriera di De Andrè unitamente a due inediti". Cercherò di informarmi meglio. Un salutone.

mariajesus ha detto...

sì, hai raggione Giò... questo mi era sfuggito. Dall'iniziativa di Fazio non pare che ne uscirà nulla, ma a settembre-novembre 2008 è uscito un DVD+2CD dal titolo che ha detto Giovanna: Effedia. Ecco la notizia:
"Effedia, sulla mia cattiva strada" è il titolo del DVD + 2 CD, è praticamente una raccolta di video editi ed inediti mixati a farne una specie di film. La colonna sonora, ovviamente, è la voce di Fabrizio. Ci sono anche spezzoni di video di Battiato, Zucchero e Vasco durante il tributo del 2000.Oltre a questo missaggio ci sono, negli extra, due contributi, uno, molto bello di Wim Wenders ed uno di Fiorello.
Gli inediti dei due CD sono curiosità di appassionati molto brevi. A parte Cielito Lindo (la versione su CD è quella già vista e sentita su Rai e su youtube), ci sono due canzoncine popolari, arricchite, inevitabilmente, dalla voce di Fabrizio ed una canzone a sua firma, "Dai monti della Savoia".