giovedì 7 febbraio 2013

Oggi ho bigiato!



A chi di voi, da ragazzini, non è mai capitato di saltare un giorno di scuola e svignarsela con gli amici a divertirsi?
Bè, credo un pò a tutti. Ma si sa, queste sono cose che si facevano da ragazzini in occasioni particolari, quando proprio non ci andava un’interrogazione in storia o un compito in classe di matematica o forse anche per il solo gusto di farlo e trascorrere una giornata “differente” con i propri compagni e sentirsi più adulti.
Bigiare è un termine che esiste fin dai tempi di Pinocchio. Se qualcuno di voi ha letto il famoso “Le avventure di Pinocchio” di Collodi si ricorderà i due episodi in cui il burattino marina la scuola: la prima volta per andare a vedere il pescecane con alcuni compagni, la seconda per partire verso il paese dei balocchi con Lucignolo. 

                                          Roberto Benigni en su película Pinocchio, del 2002


Anche marinare è un verbo che viene utilizzato con lo stesso significato di bigiare, insieme a tanti altri nella lingua italiana che variano da regione in regione.
Ad esempio:
Val d’Aosta: bruciare;
Friuli: andare in marina;
Lombardia si dice: schissare,scavallare,jumpare;
Piemonte: tagliare, brasare;
Liguria: far ponte,  bussare;
Val d’Aosta: bruciare;
Toscana: fare forca;
Lazio: fare sega;
Sardegna: magna gaula;
Puglia: zumpare;
Campania: fare filone;
Sicilia: stampare, iccarsela;

Come vedete il modo di considerare un’assenza a scuola varia da una zona all’altra: che sia come un “taglio” o un “salto”, sempre è un modo per scappare dalla routine e non farsi scoprire!
Ma voi mi raccomando eh? Tutti a scuola!

Lessico utile ed espressioni particolari da ricordare:
Svigliarsela
Non ci andava= non mi va di fare qualcosa
Compito in classe
Burattino
Marinare
Pescecane
Balocchi


2 commenti:

FRANCISCO JOSÉ SEBASTIÁ ha detto...

Interesanti, diversi espressioni che ci mostrano le diversi lingue italiane. Io ho sentito parlare bresciano e mi sono resso conto che non ho capitato nulla.
Invece Buon giorni dicevano bon dí...e a Roma Mare di Dio (se assomiglia al valenciano, Mare de Deu)
I valenciani diciamo "fer fuxina"
Saluti
Francisco Sebastiá, primo livello Italiano basico.

Piera De Gironimo ha detto...

* svignarsela

;)